Pensioni

ABBIAMO BISOGNO DI UNA NUOVA LEGGE PREVIDENZIALE

Tra le cose che si chiedevano a Mario Draghi quando è diventato Presidente del Consiglio, oltre a risolvere il terribile problema della pandemia, attuando un piano vaccini degno di questo nome e oltre alla presentazione del recovery plan all’UE entro il 30 aprile 2021, c’era anche quello di attuare quelle riforme che i cittadini italiani aspettano da oltre vent’anni. In particolare le riforme della Giustizia, della P.A., del Fisco, della Scuola e della Previdenza.

Parlando della riforma della previdenza questa è di assoluta necessità, in quanto alla fine dell’anno scade la cosiddetta “quota 100”. La famigerata legge istituita a titolo sperimentale sotto il governo Giallo/Verde per i tre anni 2019-2020-2021 e che dava la possibilità a chi avesse almeno 62 anni di età sommati a 38 anni di contributi di poter accedere al pensionamento. E’ stata una legge molto controversa e che si è rilevata in parte un flop, in quanto nelle intenzioni degli ideatori avrebbe dovuto creare un ricambio generazionale con la prevista uscita dall’ambito lavorativo di quasi un milione di persone e la contestuale assunzione di almeno 500.000 giovani. Questo non si è assolutamente verificato. Infatti, si prevede che i lavoratori che usufruiranno di tale istituto saranno non più di 500.000 e le assunzioni non arriveranno al numero di 200.000. Il fatto positivo è che a fronte dei 20 miliardi di € di costo previsti se ne risparmieranno circa la metà.

Alla fine dell’anno se non si interviene a livello legislativo ritorna, in quanto mai abolita, la contestatissima legge Fornero. La legge istituita dal Governo Monti e voluta dall’Europa per arginare la spesa previdenziale che aveva raggiunto in Italia cifre esagerate.

La legge Fornero prevede che per accedere al pensionamento siano necessari 67 anni di età, per cui l’intervento legislativo è assolutamente necessario altrimenti in una sola notte dal 31/12/2021 al 1//2022 si creerebbe uno scalone di cinque anni per poter andare in pensione.

E’ rimasto poco tempo, meno di nove mesi. Ma abbiamo una grande opportunità. Con quasi tutto l’arco costituzionale presente al Governo è un’occasione unica per poter varare una legge previdenziale di ampio respiro, strutturale, e che tenga conto di tutte le molteplici peculiarità che essa necessita. Quindi pensare ai giovani che sono i più penalizzati in ambito previdenziale perché hanno carriere discontinue, alle donne che svolgono da sempre il doppio lavoro in casa ed in ufficio, a coloro i quali svolgono lavori usuranti, ai lavoratori precoci ed ai disoccupati over 60 che per vari motivi non riescono più a rientrare nell’ambito lavorativo.

Separando previdenza da assistenza, operando una flessibilità in uscita e diminuendo le imposte ai pensionati si potrà avere una legge duratura e con la certezza del diritto per dare finalmente alle persone quella serenità necessaria per operare le proprie scelte in ambito previdenziale.

La vignetta di Michele

Articolo pubblicato su: Il Sardington Post

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...