Pensioni

PRIORITA’ EVITARE LO SCALONE: PROBLEMA FONDI O VOLONTA’ POLITICA?

La discussione sulla riforma pensioni 2021 e sulle misure che potrebbero accompagnare il post quota 100 continua a tenere banco in politica, così come sui social e tra i sindacati. Differenti le proposte, tra quelle più discusse resta quella del Presidente Inps Pasquale Tridico che divide i lavoratori tra i favorevoli, che ritengono comunque rappresenti un’alternativa alla riforma Fornero che potrebbe tornare totalmente in auge dal 1 gennaio 2022, e quanti ritengono che non sia pensabile uscire prima, ma con la sola pensione contributiva che diverrebbe ‘piena’ solo al raggiungimento dei 67 anni.

Inoltre in molti sostengono quando si sente parlare del nodo risorse che forse il problema sia altrove e da ricercare nella volontà politica di non voler cambiare realmente le cose. Abbiamo deciso di intervistare su questo tema particolarmente interessante in vista della riapertura del cantiere previdenza post periodo estivo l’esperto previdenziale Mauro Marino. Eccovi quanto è emerso:

Riforma pensioni 2021: Cassa e pensioni, il dilemma è servito

Pensioni per tutti: Mauro Marino, esperto di economia e pensioni, su il Friuli.it ha pubblicato un articolo molto interessante dal titolo: “ Cassa e pensioni, fine estate ‘calda’”,  tra i passaggi che vorrei approfondire questo:  “Il problema, come sempre, sono i fondi, per cui il tutto è stato rinviato alla legge di bilancio in attesa di vedere quante risorse ci saranno a disposizione”. Inoltre, prima della fine dell’anno bisognerà intervenire assolutamente in ambito previdenziale per scongiurare il famoso ‘scalone’ da 62 a 67 anni di età che si verrebbe a creare in una sola notte dal 31 dicembre all’1 gennaio 2022 al termine di quota 100”. A suo avviso dunque il problema per superare lo scalone 62-67 è più nei fondi o nella volontà politica?

Mauro Marino: “Guardi da un lato resta la necessità di intervenire in ambito previdenziale per superare lo scalone, ma dall’altro è importante mantenere la barra dritta dei conti dell’erario. Infatti delle tre proposte attualmente sul tappeto quota 41 o 62 anni dei sindacatiquota 102 (64 anni di età oltre a 37 di contributi) e la proposta Tridico, a livello finanziario l’unica sostenibile in quanto meno costosa sarebbe proprio la proposta di Tridico”.

Pensionipertutti: Ossia, può spiegarci meglio perché le altre due proposte Quota 102 o quella dei sindacati non sarebbero facilmente perseguibili?

Mauro Marino: “La proposta Tridico costerebbe circa 500 milioni nel 2022 fino ad arrivare a 2,4 miliardi di euro nell’anno 2029, quota 102 costerebbe da 1,2 miliardi a 4,7 miliardi dal 2022 al 20029 e la proposta più organica e strutturale proposta dai sindacati confederali costerebbe addirittura 4,3 miliardi nel 2022 fini ad arrivare alla stratosferica cifra di 9,2 nel 2029“.

Riforma pensioni 2021, quali i possibili piani del Governo?

Pensionipertutti: A suo avviso dunque verso cosa propenderà l’esecutivo, visto che ormai la Quota 100 è prossima alla scadenza e date le pressioni delle parti sociali e dei cittadini?

Mauro Marino: “È chiaro che il governo vuole risparmiare per cui difficilmente la proposta sindacale e dei gruppi Facebook organizzati, ossia l’uscita con la quota 41 senza se e senza ma e la pensione anticipata dai 62 più 20 anni contributivi, avrà un seguito ma tutto è ancora in evoluzione.

La Lega presenterà una sua proposta ad ottobre (sempre che Durigon sia ancora sottosegretario) e poi ci sono anche i 24,9 miliardi già arrivati dall’Europa nel ambito del recovery, se il Pil ad ottobre farà il rimbalzo previsto superando il 5% non è detto che ci sia qualche possibilità di avere oltre a Opzione Donna, un Implementazione dell’ape sociale e dell’isopensione e un’estensione dei contratti di espansione anche qualche buona notizia sulla flessibilità in uscita“.

Ringraziamo il Dott Marino per il tempo dedicatoci e per la disponibilità al confronto e speriamo di averlo presto con noi in altre occasioni.

Intervista pubblicata su : Pensioni Per Tutti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...