Pensioni

AVANTI CON LA RIFORMA DELLE PENSIONI

La guerra tra Russia ed Ucraina non deve interrompere gli incontri per una nuova riforma previdenziale

E’ molto difficile scrivere della necessità di una nuova riforma previdenziale quando in Europa è scoppiata una violentissima guerra tra la Russia e l’Ucraina che ha già causato migliaia di vittime civili e con conseguenze imprevedibili sia sul fronte militare che economico/sociale, ma il Paese deve andare avanti e tra le mille criticità che il Governo deve affrontare in questo 2022 c’è anche quella di una nuova riforma previdenziale che vada a sostituire l’odiata legge Fornero a partire dal 1/1/2023.

L’anno 2021 era terminato con la promessa da parte dell’esecutivo di una serie di incontri tecnici tra Governo e Organizzazioni Sindacali già nel mese di gennaio propedeutici ad un incontro politico alla metà di febbraio dove l’esecutivo avrebbe finalmente scoperto le carte, indicato nero su bianco quale era la sua proposta e soprattutto quanti denari avrebbe messo sull’argomento previdenziale così da inserire un eventuale ipotesi di accordo nel DEF che Draghi vorrebbe anticipare alla fine di marzo.

Sono stati individuati tre temi fondamentali sui quali operare una discussione quali la previdenza complementare, la previdenza per giovani e donne e la flessibilità in uscita. Sicuramente il primo tema è il più facile da risolvere. Molto probabilmente dal 1/1/2023 si aprirà un altro semestre di silenzio/assenso in cui i nuovi lavoratori saranno iscritti automaticamente, a meno di un rifiuto scritto, ad un fondo pensione destinando ad esso il loro TFR e implementando così questo istituto, assolutamente necessario, e che in Italia stenta a decollare. Anche il secondo aspetto quello della previdenza per giovani e donne sembra possa essere risolto istituendo una pensione di garanzia con un bonus di 6 mesi per ogni anno di contributi versati a coprire periodi di formazione o assenza di lavoro tra un contratto e l’altro nei quali non figurano contributi versati.

Sul terzo punto quello della flessibilità in uscita il discorso si è invece impantanato con il Governo che già prima dello scoppio della guerra tra Russia ed Ucraina si era sottratto ad un confronto facendo filtrare la possibilità di attuare una flessibilità in uscita solamente nel solco di una riforma contributiva.

In pratica l’esecutivo dopo oltre un anno in cui gli si chiede chiarezza e proposte scritte per riformare la legge Fornero fa filtrare ipotesi farraginose e confuse. Le proposte del Presidente dell’INPS Tridico, quella di Raitano o quella chiamata Opzione Tutti non sono mai state definite precisamente nei termini, e nessuna di queste è mai stata indicata la più desiderata dal Governo.

Questo atteggiamento, poco rispettoso nei confronti dei cittadini italiani, deve essere superato. L’esecutivo, anche in questo momento drammatico che stiamo vivendo deve riprendere le trattative con le Organizzazioni Sindacali senza lasciare nel dubbio milioni di lavoratori che hanno diritto di conoscere gli intendimenti governativi, anche perché i margini per definire una nuova legge previdenziale ci sono tutti.

Il Governo, poi, dovrebbe impegnarsi anche nei confronti dei milioni di pensionati ormai al limite della sussistenza, anche per effetto di un’ inflazione che viaggia oltre il 5%, alzando, ad esempio, la no tax area a 10.000 € ed eliminando le addizionali regionali e comunali per redditi fino a 30.000 €.

Articolo pubblicato su: Pensioni Oggi

https://www.pensionioggi.it/notizie/economia/avanti-con-la-riforma-delle-pensioni

4 pensieri su “AVANTI CON LA RIFORMA DELLE PENSIONI”

  1. Ha ragione Mauro Marino. Ciò che appare evidente è l’assoluta mancanza di rispetto nei confronti dei cittadini che, stanchi e sfiniti, non riescono a capire come e quando potranno lasciare il lavoro. Allargherei questo giudizio anche alle O.S. che non hanno assolutamente chiare le difficoltà e le incertezze di chi ha superato i 60. Andare al lavoro, a questa età, con le performances richieste quando le energie stanno scemando è terribile, veramente terribile. Giuro mi viene da piangere, mi sento impotente e frustrata.

    "Mi piace"

  2. Mi chiedo cosa fanno tutto il giorno Orlando, Franco e tutti quegli scienziati chiamati tecnici che dovrebbero riformare il sistema previdenziale assieme alle parti sociali e che non hanno ai tempo……la pandemia, le elezioni del presidente della repubblica, adesso la guerra: balle, la verità è che l’argomento è troppo scottante e nessuno vuole diventare odiato come la Fornero. Meglio che se la smazzi qualcun altro magari dopo le elezioni. I pensionandi aspetteranno, da buon italiani ingoieranno in silenzio anche quest’altro rospo……

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...