Pensioni

PARTITI SENZA (VERE) IDEE PER SUPERARE LA LEGGE FORNERO

Tutto quello che era ampiamente previsto si sta verificando. Milioni di italiani che sono finalmente in vacanza dopo 30 mesi di pandemia (e 173.000 decessi di cui l’85% pensionati), il Belpaese preso d’assalto, finalmente, dagli stranieri, un turismo tornato prepotentemente ai livelli ante 2019 con in mezzo una campagna elettorale che i due terzi degli italiani non seguono e di cui non capiscono la necessità. Una distanza che tra la politica e i cittadini si amplia sempre di più, con partiti che si accusano reciprocamente di responsabilità della crisi, lotte fratricide tra politici per conquistarsi un posto al sole in un Parlamento dimezzato, con programmi elettorali assenti e soprattutto molto generici. Nel frattempo assistiamo a causa della guerra russo/ucraina a costi dell’energia che sono triplicati dall’inizio dell’anno e che hanno provocato, anche per effetti speculativi derivati, un rialzo improvviso dell’inflazione all’8% come non si verificava da quasi trent’anni.

In ambito previdenziale poche idee e molto confuse. Tutti sappiamo che a fine anno terminano i pochi interventi effettuati dall’uscente Governo Draghi sulle pensioni in particolare Opzione Donna, Ape Sociale e “Quota 102” per cui il 31/12/2022 è la “deadline” su cui intervenire, ma nubi minacciose incombono sulle scelte del futuro Governo. E non sto parlando solamente di risorse economiche ma anche di scelte politiche. Purtroppo la crisi della classe dirigente politica italiana è sotto gli occhi di tutti e questo si evince particolarmente in ambito previdenziale. Tutti i partiti, nessuno escluso, sono arrivati a questa campagna elettorale su questo argomento completamente spiazzati e senza alcuna proposta concreta per superare la rigidità della legge Fornero che tutti a parole vogliono eliminare ma che da oltre un decennio incombe sulla vita dei cittadini italiani. Se, invece, avessero in questi anni pensato una legge di riforma, ora l’avrebbero tranquillamente messa in campo già pronta, realizzabile e soprattutto sostenibile. La Lega di Salvini che da anni rivendica come cavallo di battaglia l’eliminazione della legge Fornero propone 41 anni di contributi per tutti per uscire dal mondo del lavoro, ma non specifica la cosa fondamentale vale a dire se applicare il sistema misto o totalmente contributivo, parla di una flessibilità in uscita  a partire dai 63 anni ed almeno 20 anni di contributi ma riferendosi solamente alle donne e senza specificare esattamente i termini. Berlusconi propone l’innalzamento delle pensioni minime a 1.000 euro, costo annuo per l’erario circa 32 miliardi, con evidente levata di scudi di chi ha versato per oltre 40 anni contributi previdenziali e percepisce 1.100 euro mensili, il PD ancora più fumoso auspica solo il rinnovo di Opzione Donna e Ape Sociale ed una flessibilità in uscita nel solco del sistema contributivo, il terzo polo appena varato Calenda/Renzi il nulla. Il M5S aggrappato solamente alla proposta Tridico di flessibilità in uscita, ma che ormai non essendo più al Governo stenterà ad essere ascoltato e che probabilmente perderà anche, tra qualche mese, la presidenza dell’Inps.

Proprio non ci siamo. Nessuna riforma strutturale ma solo interventi singoli da inserire probabilmente in fretta e furia nella legge di bilancio e da approvare magari con la fiducia e senza alcun confronto parlamentare entro il 31 dicembre. Dai sindacati nessun riscontro analogamente all’anno appena passato trincerati dietro all’orgoglio di essere protagonisti della vita politica italiana ma avendo dimenticato la loro funzione principale, difendere e tutelare i lavoratori. Eppure sul tappeto c’è una proposta, quella del gruppo UTP, che se i politici avessero in tempi non sospetti, non solo a parole, valutato, discusso e approfondito avrebbe risolto molti loro problemi perché abbraccia tutti i possibili attori della vasta galassia previdenziale ed oltretutto è poco costosa. Infatti prevedendo una piccola penalizzazione annua per chi volesse uscire dal mondo del lavoro a partire dai 62 anni e concedendo, altresì, a chi lo volesse di rimanere oltre i 66 anni azzererebbe, in pratica, i costi per l’Erario.

Vedremo se e come le forze politiche che usciranno vincitrici dalle elezioni del 25 settembre vorranno affrontare la questione previdenziale. I denari per realizzare una riforma strutturale, se si volesse, si possono trovare recuperando i costi dal minor utilizzo di “quota 100” nonché dai risparmi dell’INPS dai decessi di pensionati da covid e non deve nemmeno spaventare la somma di 23 miliardi da trovare a gennaio per perequare, giustamente, le pensioni degli italiani a causa dell’8% di inflazione annua, perché proprio questa ha fatto lievitare dall’inizio dell’anno gli introiti dell’ IVA di oltre 30 miliardi.

Articolo pubblicato su: Il Sussidiario

https://www.ilsussidiario.net/news/riforma-pensioni-partiti-senza-vere-idee-per-superare-la-legge-fornero/2391229/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...