La ricetta della settimana

A cura di Barbara Concas

Olive Condite alla Moda di Giovanna (Trapani 1923)

500 g di olive verdi in salamoia
3 spicchi di aglio
1  cuore di sedano comprese le foglie
1/2 bicchiere d’aceto di vino bianco
olio extravergine d’oliva
origano
1 peperoncino

Per fare le olive condite alla siciliana  dovete anzitutto lavare, far scolare bene,  e snocciolare le olive. Potete schiacciarle con un bicchiere o un batticarne, l’importante è non rompere il nocciolo.
Trasferitele in una insalatiera e conditele con l’aceto, gli spicchi d’aglio tagliati in 4 o 5 parti, il peperoncino e l’origano. Aggiungete abbondante olio e mescolate con cura. Riducete a rondelle sottili il sedano con le foglie e unitelo alle olive. Rigirate più volte, affinché gli ingredienti si distribuiscano bene, quindi fate insaporire per almeno 24 ore

Buon Appetito!

Ossibuchi di vitello alla Milanese a modo mio

INGREDIENTI PER GLI OSSIBUCHI

4 ossibuchi di vitello da 300gr. ciascuno
1 cipolla dorata
brodo di carne mezzo litro
40 gr. di burro
40 gr. olio evo
50 gr. farina
1 bicchiere di vino bianco
sale e pepe

INDREDIENTI PER LA GREMOLADA
1 ciuffo prezzemolo
1 scorza di limone non trattato
1 spicchio d’aglio

Per realizzare gli ossibuchi alla milanese, per prima cosa preparate il brodo di carne che vi servirà per cuocere gli ossibuchi, poi sbucciate le cipolle e tagliatele a falde. 
Scaldate metà dell’olio in una padella, aggiungete le cipolle  e cuocete per circa 5 minuti a fuoco medio-alto, dopodiché sfumate con metà del vino bianco e cuocete per altri 10 minuti Le cipolle non devono brasare, ma caramellare. Una volta brunite togliete le cipolle dalla padella che vi servirà anche per cuocere gli ossibuchi e tenetele da parte. Ora prendete gli ossibuchi e, utilizzando un paio di forbici, praticate 3 incisioni sul tessuto connettivo di ognuno per evitare che si arriccino in cottura, passateli nella farina dove avrete aggiunto sale e pepe, batteteli leggermente per togliere la farina in eccesso.
Versate l’olio rimanente nella padella in cui avevate cotto le cipolle, aggiungete il burro  e fatelo sciogliere, poi adagiate gli ossibuchi all’interno e fateli rosolare a fiamma medio-alta senza toccarli. Dopo circa 4 minuti, girateli delicatamente e noterete che all’esterno si sarà formata una  crosticina. Rosolate gli ossibuchi dall’altro lato per circa 2 minuti, dopodiché sfumate con il vino rimanente e fatelo evaporare. A questo punto aggiungete il brodo in modo che arrivi quasi a coprire la carne, poi unite le cipolle, abbassate la fiamma coprite con un coperchio e cuocete a fuoco medio-basso per 35 minuti. Il tempo di cottura cambia a seconda della grossezza o grandezza dell’ossobuco.
Nel frattempo sbucciate lo spicchio di aglio ed eliminate l’anima, poi lessatelo in acqua bollente per 2 minuti: in questo modo il sapore dell’aglio risulterà meno forte, tuttavia se preferite potete omettere questo passaggio.
A cottura ultimata, spegnete il fuoco e aggiungete un trito di prezzemolo e aglio nella padella, poi aromatizzate con la scorza grattugiata di un limone non trattato: i vostri ossibuchi alla milanese sono pronti!
Buon Appetito!

Pasticcio alla Carlofortina con la buzzonaglia

320 g di pasta mista (Luxoro mix di pasta orecchiette, trofie e cassulli)
200 ml di passata di pomodoro
3 cucchiai colmi di pesto genovese leggero, solo olio e basilico con un poco di sale
160 g di buzzonaglia (sostituibile con tonno sottolio)
uno spicchio di aglio
olio extravergine d’oliva  q.b.
sale q.b.

In una larga padella, scaldate due cucchiai di olio extravergine d’oliva, quindi unite lo spicchio d’aglio, fatelo soffriggere  aggiungete la buzzonaglia ben sgocciolata dall’olio di conserva e fate insaporire leggermente e infine aggiungete la salsa di pomodoro.
Fate ridurre a fuoco lento tutta la salsa.
Lessate la pasta al dente e unitela al sugo.
Trasferite nuovamente la padella sul fornello, saltate il tutto per qualche minuto, così da condire bene la pasta.
Infine, a fuoco spento aggiungete il pesto, date un’ultima mescolata per amalgamare bene i sapori e servite immediatamente.

Buon appetito!

Rigatoni “della prateria”


Ingredienti per 4 persone
350 gr di  rigatoni
2 zucchine
1 pomodoro
40 grammi di pancetta a cubetti
Una manciata di rucola in cottura e una al momento di impiattare
Peperoncino a piacere
Grana grattugiato o a scaglie
4 cucchiai di olio evo
sale
 
Preparazione dieci minuti
Esecuzione  il tempo di cottura della pasta più impiattamento
10 minuti circa
Totale 20 minuti

Per prima cosa preparare gli ingredienti e mettere a bollire l’acqua per la pasta.
In una padella versare l’olio e  le zucchine tagliate a piccoli cubetti,  poi aggiungere la pancetta e far  soffriggere a fuoco vivace per 4/5 minuti. Quando le zucchine  saranno dorate aggiungere il peperoncino e  il pomodoro tagliato a cubetti e fare insaporire per un minuto. Spegnere il fuoco e aggiungere  la rucola
Scolate la pasta nella padella con il condimento e fate saltare  a fuoco vivo per non più di un minuto.
Impiattate e sopra ogni piatto mettete un paio di foglie di rucola e del grana!

Buon appetito!
 

Spaghetti Alici Burrata e Olive Taggiasche

Ingredienti per 4 persone
350 gr di  spaghetti preferibilmente di Gragnano
200 gr di burrata
4 o 5 filetti di acciughe sott’olio
4 cucchiai di olio evo
25 gr di olive taggiasche 
Pinoli tostati
Zest di limone(facoltativo)

Preparazione dieci minuti
Esecuzione  il tempo di cottura della pasta più impiattamento
15 minuti circa
Totale 25 minuti

Per prima cosa preparare gli ingredienti e mettere a bollire l’acqua per gli spaghetti.
In una padella versare l’olio e fare sciogliere le alici, poi versare le olive e farle insaporire per meno di un minuto. Spegnere il fuoco e preparare la burrata, che andrà sminuzzata in piccoli pezzetti. Potete usare il mixer, ma si può fare a mano, così non la scaldiamo troppo. Aggiungere la buccia di limone se volete conferire un tocco di freschezza .
Scolate gli spaghetti, lasciando un poco di acqua di cottura nella padella con le acciughe e le olive fate asciugare a fuoco vivo. Spegnete il fuoco e aggiungete parte della burrata, mescolate in modo energico in modo che si amalgami alla pasta.
Impiattate e condite con un poco di burrata sminuzzata, i pinoli tostati e ancora del zest!

Buon appetito!

Risotto Gamberi Zucchine e Frutta Secca

Ingredienti per 4 persone 
Riso  vialone nano 300 gr
Zucchine 400 gr
Gamberi 300 gr
Olio evo 2 cucchiai
Burro 30 gr
Brodo vegetale q.b. ( un litro di acqua, una zucchina, sedano cipolla e carota e sale)
Sale q.b.
Pepe nero q.b.
zest di limone
30 grammi di frutta secca mista

In una casseruola mettete a tostare il riso senza condimenti. Nel frattempo grattugiate le zucchine, tranne una che userete  nel brodo vegetale, che preparerete mettendo a bollire l’acqua con le verdure e il sale. Intanto rosolate le zucchine con 2 cucchiai di olio evo per 5 minuti. Quando il riso diventa traslucido, aggiungete il brodo vegetale bollente, in modo che lo copra totalmente.
Aggiungete le zucchine trifolate e altro brodo vegetale. Portate avanti la cottura e quando mancano pochi minuti alla fine, aggiungete i gamberi sgusciati . Assaggiate di sale.
Dal momento che mettete i gamberi, contate al massimo 3 minuti, non devono assolutamente stracuocere.
Togliete dal fuoco e mantecate con il burro, il zest di limone e la frutta secca tostata e tritata grossolanamente.
Lasciate riposare 3 minuti.
Impiattate e servite caldo.

Buon appetito!